Home » NEWS » Ultime notizie

Ultime notizie

Mobilità, Comunicato GILDA: sconcerto per modi e tempi dell’ordinanza

 

Resta il vincolo quinquennale, Di Meglio: “Si perpetua grave ingiustizia, si intervenga con mobilità annuale”

“Dopo giorni di silenzio, senza alcuna convocazione di un incontro neppure informale da parte del ministero, ieri sera è stata diramata improvvisamente l’ordinanza sulla mobilità. Una modalità che desta sconcerto, sia per la mancata informazione preventiva alle organizzazioni sindacali, sia per l’estrema ristrettezza dei tempi fissati per la presentazione delle domande che scadranno il 13 aprile. Considerate anche le festività pasquali e le difficoltà provocate dalle misure di contenimento anti-Covid, inevitabilmente le nostre strutture sindacali, impegnate nell’assistenza al personale scolastico, dovranno lavorare con ritmi molto stressanti e ciò non gioverà di certo al regolare e sereno svolgimento delle operazioni”. Ad affermarlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

Entrando nel merito dell’ordinanza, poi, Di Meglio rimarca con grande amarezza la mancata soluzione della questione riguardante il vincolo quinquennale, sulla quale pure c’è stato un intenso confronto con i sindacati affinché venisse affrontata a livello politico. “Il vincolo quinquennale viene confermato dall’ordinanza, continuando a perpetrare una grave ingiustizia che la Gilda ha più volte denunciato”.

“Dopo questo colpo di scena da parte di viale Trastevere, chiediamo che si intervenga almeno sul fronte della mobilità annuale per sanare la situazione, augurandoci che quanto prima sia dato seguito alle intenzioni espresse dal ministro Bianchi in merito alla ripresa di buone relazioni sindacali. A tal proposito – conclude Di Meglio – è opportuno notare che ad oggi non è stato ancora convocato nessuno dei tavoli di lavoro annunciati durante il nostro primo incontro”.

Roma, 30 marzo 2021
UFFICIO STAMPA GILDA INSEGNANTI

31/03/2021
30/03/2021

Mobilità 2021, al via le operazioni.

Sono state firmate oggi l’Ordinanza relativa alla mobilità del personale docente, educativo e Ausiliario, Tecnico e Amministrativo (ATA) per l’anno scolastico 2021/2022 e l’Ordinanza relativa ai docenti di Religione Cattolica.

Per il personale docente le domande potranno essere effettuate dal 29 marzo, al 13 aprile 2021. Entro il 19 maggio saranno ultimati gli adempimenti degli uffici periferici del Ministero, i movimenti saranno pubblicati il 7 giugno 2021.

Il personale educativo potrà presentare domanda di mobilità dal 15 aprile al 5 maggio 2021. Le operazioni saranno concluse entro il 19 maggio, la pubblicazione dei movimenti avverrà l’8 giugno 2021.

Per il personale ATA, le domande potranno essere effettuate dal 29 marzo, al 15 aprile 2021. Gli adempimenti degli uffici si svolgeranno entro il 21 maggio, la pubblicazione dei movimenti è fissata per l’11 giugno 2021.

Gli insegnanti di Religione Cattolica potranno presentare domanda di mobilità dal 31 marzo al 26 aprile 2021, i movimenti saranno pubblicati il 14 giugno 2021.

La pagina dedicata del Ministero:

https://www.miur.gov.it/web/guest/mobilita-2021-2022

 

30/03/2021

Maturità 2021:domande per i presidenti di commissione

 

Su Istanze online al via le domande per i presidenti di commissione dal 25 marzo al 12 aprile 2021

https://www.istruzione.it/polis/allegati/Guida_Istanza_Presidenti_Esame_di_Stato_v01.pdf

 

25/03/2021

Incontro del 22 marzo 2021 tra M.I. - OO.SS. Protocollo sicurezza Esame Stato

RESOCONTO INCONTRO M.I – OO.SS – 22 marzo 2021

Protocollo sicurezza Esame Stato 2021

 

In data odierna si è svolto un incontro telematico tra il M.I. (dott.ssa Boda, dott. Greco) e le OO.SS. avente ad oggetto il protocollo di sicurezza per gli Esami di Stato 2021.

 

La dott.ssa Boda, in apertura dell’incontro, comunica l’imminente programmazione di un’ulteriore riunione dedicata alla presentazione di una bozza di Nota sulla ripartizione e destinazione d’uso dei fondi previsti per la scuola nel nuovo Decreto ristori, finalizzati all’acquisto di dispositivi sanitari e di protezione e prevenzione, quali, ad esempio, i purificatori d’aria.

Per quanto riguarda le misure inerenti la sicurezza dell’Esame di Stato, la Boda propone di avviare la discussione a partire dal protocollo di sicurezza sottoscritto dalle OO.SS. lo scorso anno (non da Gilda, ndr).

 

Il dott. Greco comunica che lo stanziamento per l’Esame di Stato, paritarie incluse, sarà pari, anche quest’anno, a circa 30 mln di euro.

 

Le organizzazioni sindacali concordano tutte sulla mancanza del tassello fondamentale, al fine della definizione di un protocollo condiviso, ossia il documento del CTS. Appare molto grave, in effetti, l’assenza di dati disponibili e di informazioni ufficiali, per esempio sull’effettivo impatto della variante inglese sui contagi in ambito scolastico. Una delle ragioni che avevano indotto la Gilda a non sottoscrivere il protocollo dello scorso anno era stata proprio la carenza di informazioni e adeguato approfondimento sui profili di rischio e sulle conseguenti misure da intraprendere. Quest’anno, visto anche il maggiore tempo a disposizione per far fronte alle problematiche, si richiede una precisa informazione e un’attenta valutazione di tutti i dati disponibili.

La Gilda, inoltre, giudica le risorse stanziate per l’Esame (30 mln, come l’anno scorso) insufficienti, considerando che, rispetto allo scorso anno, saranno impegnati negli esami molti più alunni dello scorso anno, dal momento che quest’anno sosterranno l’esame anche i giovani studenti di terza media, che lo scorso anno erano stati esentati.

Altra tematica proposta dalla nostra delegazione e ampiamente condivisa da tutte le OO.SS. è quella riguardante le mascherine. Alle scuole, infatti, arrivano dispositivi di qualità estremamente scadente, tanto che la maggior parte dell’utenza, alunni e personale, preferisce attrezzarsi con dispositivi propri. Sarebbe alquanto opportuno provvedere all’acquisto di FFP2.

Emerge, diffusamente, anche l’esigenza di avere certezze riguardanti il richiamo vaccinale, in quanto in molte regioni risulterà concomitante con lo svolgimento dell’esame e deve essere chiaro quali misure saranno prese per garantire la regolarità delle prove nel caso che il quadro di sintomi post-vaccino impedisca ai commissari di proseguire l’esame.

Si ritiene, inoltre, opportuno, organizzare un tracciamento, tramite tamponi, alla vigilia delle operazioni di esame.

La delegazione Gilda chiede, inoltre:

  • l’acquisto di adeguati dispositivi di purificazione d’aria che, oltretutto, avendo anche funzione di climatizzazione, renderebbero molto più sereno lo svolgimento dell’esame nelle aule che a giugno/luglio divengono autentiche fornaci;
  • la sanificazione delle aule a conclusione di ciascun colloquio e a fine giornata;
  • l’acquisto di mascherine adeguate e veramente sicure (FFP2): valga, a maggior ragione, per gli esami di stato, quanto già detto in termini generali;
  • l’avvio tempestivo di un tavolo per la sicurezza dell’a.s. 2021/2022, in modo particolare sui mq per allievo e sul tema dei trasporti che, come è noto, sono stati il vero ostacolo alla ripartenza della didattica in presenza.

 

La Gilda osserva anche che i tavoli regionali riguardanti la sicurezza non stanno funzionando, in molte Regioni, nemmeno per gli aspetti di semplice informazione sindacale e invita il M.I. ad effettuare dei controlli e sollecitare gli USR a prevedere un calendario di incontri.

La Gilda, infine, fa notare che, al di là degli aspetti della sicurezza, oggi all’odg, da molte scuole emergono diverse perplessità in merito alle modalità di svolgimento dell’esame.

  • Calendario.  Pur non prevedendo lo svolgimento di prove scritte, l’esame partirà con la riunione preliminare già da lunedì 14 giugno 2021, all’indomani della chiusura dell’anno scolastico. Questa scadenza incombente sta spingendo molte scuole a programmare gli scrutini in date precedenti la conclusione delle attività didattiche (cosa illegittima) o, addirittura, a rinviare gli scrutini a dopo l’Esame!
  • Modalità di svolgimento del colloquio. La Gilda si fa portavoce dell’esigenza di moltissimi docenti di avere chiarimenti in relazione a quanto stabilito all’art. 18 dell’OM e, in modo particolare, sulla natura dell’elaborato da richiedere agli studenti e su come debba essere inteso il concetto di elaborato concernente le discipline caratterizzanti (…) integrato, in una prospettiva multidisciplinare dagli apporti di altre discipline.

 

Il M.I. aggiorna la riunione a martedì 30 marzo 2021.

 

 

La delegazione FGU

25/03/2021